Quelo, Greta e la dottrina neoliberale della verità multipla

“C’è grossa crisi”, direbbe Quelo, quella sorta di parodistica crasi di santone e telepredicatore che fu interpretato da Corrado Guzzanti.

La crisi, è l’”ospite inquietante” dei nostri tempi, accompagna sempre qualunque presente, con un montante subentrare di tante crisi: Leconomia, Lecologia, Lademografia, Lemigrazioni, Lapovertà, Lepidemie, Linflazione, Ladeflazione…

Un’incalzare di crisi che riduce i poveri esseri umani come tanti pugili suonati che, incapaci di reagire, ricevono tutti i colpi che i mezzi di informazione riversano sulle loro povere menti.

Ovviamente, ora non possiamo parlare di tutte le crisi portate alla ribalta dall’inesauribile cornucopia dei mezzi di comunicazione; ci concentreremo, pertanto, su una sola di esse che, periodicamente (e ora, anche, prepotentemente), viene portata all’attenzione dell’opinione pubblica, ovvero quella che viene definita “crisi climatica” o “riscaldamento globale”, che dir si voglia.

Questa volta, per creare sgomento nelle vittime della mitologia mediatica, su questo “fantasma che si aggira per il mondo”, non è stato utilizzato uno scienziato dal linguaggio algido e un po’ astruso, non un politicante imbolsito alla Al Gore, o un attore Hollywoodiano al guinzaglio (che, non si sa mai, avrebbe potuto essere fotografato alla guida di una Lamborghini o a bordo di un jet privato).
No, niente di tutto questo, questa volta gli sceneggiatori delle unità di creazione delle crisi si sono superati e hanno tirato fuori dal cilindro un personaggetto ideale per emozionare le infantilizzate masse postmoderne: una povera ragazzina iposviluppata e autistica (seppur di basso grado¹) che sostiene di percepire (non si sa con quale organo di senso) l’aumento di CO2 nell’atmosfera (che si calcola in parti per milione). Insomma, una “testimonial” che ha la presenza scenica di Topo Gigio e l’apoditticità predittiva del Mago Otelma, la quale, però, parla ai “potenti della terra”.

Tanto di cappello agli sceneggiatori: con ingredienti così scarsi, sono riusciti a creare un manicaretto mediatico di portata mondiale, che ha dato origine ad un “movimento” di pari portata, il cosiddetto “Friday for Future” (insomma, un weekend lungo), spontaneo come può essere la disinvoltura mostrata da chi cerca di passare una frontiera con una valigia di cocaina nel bagagliaio.

E così, è stata creata una nuova forma di Fate presto!² di portata globale, un cosmico “vincolo esterno”, uno stato di eccezione planetario al quale subordinare le politiche di quello che, un tempo, si chiamava “occidente”, perché pare che il resto del mondo se ne fotta bellamente della cosiddetta “emergenza climatica”.

Per la verità, questa “emergenza” non è poi così emergente, come vorrebbero far credere i registi dell’odierna intemperie, visto che il fenomeno è studiato fin dagli anni ’50, quando si iniziò a parlare dell’impatto dell’aumento della CO2 su base antropogenica³. Il fenomeno divenne noto all’ opinione pubblica mondiale nel 1988, in occasione di un’audizione al Congresso degli Sati Uniti di James Hansen, climatologo della Columbia University, che lanciò un allarme circa il rischio di riscaldamento globale dovuto, appunto, all’aumento dei “gas serra”. Nello stesso anno venne istituito dall’ONU l’IPCC.

A tale allarme fece rapidamente seguito la risposta “negazionista” dei giganti dell’industria energetica (ai quali si unirono svariati settori merceologici), che diedero vita ad un centro studi, la Global Climate Coalition (1989-2001)4, col compito di confutare e contrastare le conclusioni dell’IPCC, adottando quindi la tipica strategia neoliberale (anche questo verrà elucidato in seguito) di mettere “scienza contro scienza”. Dopo lo scioglimento della GCC, il testimone venne passato ad altre entità, tra le quali, è bene ricordare, lo Hearthland institute5.

Nella seconda metà degli anni ’90 il tema del riscaldamento globale fu oggetto di un’attenzione crescente, da parte dei mezzi di comunicazione, che andò vieppiù intensificandosi nei primi anni del nuovo secolo, subendo un brusco arresto in occasione della crisi finanziaria del 2007/2008 e della recessione economica conseguente.

Ubi major, minor cessat e, nel sistema capitalistico, il major è sempre e comunque legato a questioni economiche; naturalmente questo non significa che gli altri problemi non siano considerati tout court –in fondo, nonostante ciò che asserì quel sempliciotto di Fukuyama, la storia non è finita- ma ciò dovrebbe far sorgere qualche domanda circa il motivo per il quale un tema così cruciale, quale dovrebbe essere il riscaldamento globale, salti fuori solo periodicamente.

E, si badi bene, non ne facciamo una questione di merito, ovvero se vi sia o meno un’emergenza climatica, ma, sempre e soltanto, una questione di metodo: un’emergenza dovrebbe essere sempre tale, ossia impellente ed improcrastinabile, qualsivogliano siano le condizioni economiche o politiche concomitanti.

Se, invece, tale emergenza assume un carattere “intermittente”, sorge il sospetto che, coeteris paribus (ovvero non mettendone in dubbio la veridicità), lo scopo principale di questa periodica comparsa sia, ancora una volta, quello di indirizzare l’attenzione delle masse verso la direzione desiderata da chi controlla il sistema (i famosi “potenti della terra” intimoriti dalla ragazzina che percepisce l’aumento di CO2).

È dagli anni ‘60 che si denuncia l’esistenza di gravi problemi ambientali (non solo climatici), ed è dal decennio successivo che si è iniziato a colorare l’attività economica con una sfumatura “ecologica”, a tingerla di verde (colore che stava bene con tutto, prima che se ne appropriassero i famigerati populisti padani), il cosiddetto “green washing”, che è anche definito, con lucuzione più elegante, “sviluppo sostenibile”, ineffabile ossimoro che ha il pregio di suonare assai bene e non significare alcunché, visto che i due termini del sintagma non sono connotati da definizioni precise.

“Sviluppo” presuppone un telos, un fine cui volgere, mentre “sostenibile” necessita un termine di confronto: sostenibile per chi? Per cosa? Rispetto a cosa? Come? E via dicendo.

In mancanza di queste precisazioni, rimane solo un motto epitomico del politicamente corretto che testimonia la meravigliosa abilità del capitalismo nel trasformare tutto, anche i fattori apparentemente negativi, come l’inquinamento e la crisi della biosfera, in nuove nicchie di mercato: in questa incessante opera mimetica e reificante è riuscito a creare, finanche, una disciplina di studio dal nome di “Ecological Economics” (con tanto di rivista dedicata7) ispirata dagli studi di Nicholas Georgescu-Roegen8 (e, successivamente di Hermann Daly) che cercarono di evidenziare l’incompatibilità dei parametri termodinamici con quelli economici.

Come tutte le buone intenzioni, questi studi non hanno fatto altro che lastricare le vie dell’inferno sfociando, da un lato, nella ricerca di un valore monetario dei “servizi degli ecosistemi” (Robert Costanza) e, dall’altro, come si diceva, nella creazione di nuove nicchie di mercato surrettiziamente denominate “bio”, “green”, “eco”, o che dir si voglia.

Tutte queste operazioni di “lavaggio” hanno, non solo, lo scopo, di creare nuove nicchie commerciali e trasformare le residue parti di mondo in merce e mercato, ma anche quello di distogliere l’attenzione dal vero tema, quello che conduce, inevitabilmente a tutti i problemi particolari, dai quali è affetto il capitalismo, ovvero l’incommensurabilità concettuale e, ineludibilmente fattuale, tra parametri economici e mondo fisico che, come ben comprese Marx, risiede nella primazia del valore di scambio sul valore d’uso (o, prima di lui, Aristotele, quando distinse tra oikonomia e crematistica).

Siccome il fondamento del capitalismo poggia sull’accumulazione esponenziale di mezzi monetari (il capitale) che è, virtualmente, infinita, ma che si deve manifestare, giocoforza, in un ambiente che dispone di una quantità di materia che è data, è facile comprendere come questo fatto possa giungere a provocare qualche problema.

La gabbia epistemica del neoliberalismo

Partendo da queste premesse, possiamo ora parlare di come le questioni di cui sopra siano inserite nel quadro epistemico che caratterizza il capitalismo odierno, la cui forma è stata plasmata da ciò che è stato definito “neoliberalismo”.

Come ha documentato Philip Mirowski9 (e, in parte, anche Michel Foucault10, sebbene non in modo così esplicito), il nucleo del pensiero neoliberale non è tanto economico quanto epistemologico e si è andato storicamente a connotare come un vero e proprio “Collettivo di Pensiero”, come asserì Dietrich Plehwe11 (prendendo spunto dagli scritti di Ludwik Fleck che descrisse l’impresa scientifica come formata da “una comunità di persone che scambiano mutualmente idee o mantengono un’interazione intellettuale”)12.

Questo “collettivo di pensiero”, non solo è riuscito a modellare la forma, alquanto amorfa, del capitalismo dei nostri giorni ma, soprattutto, a rendere inefficaci tutte le critiche che sono state rivolte ad esso, confinandole in una gabbia epistemica dalla quale non potessero sfuggire, tramite la creazione di una vera e propria ragnatela di manipolazioni cognitive che danno la forma visibile del nostro mondo.

Non ha quindi molto senso il considerare (come, peraltro, fanno molti), questo fenomeno come un orientamento economico o, tantomeno, di spiegarlo con le obsolete categorie del pensiero politico del secolo scorso ( “destra” politica, conservatorismo, liberalismo, ecc.).

Quest’equivoco spiega, in larga parte, l’insuccesso dei movimenti che criticano e cercano di contrastare la fisionomia attuale del capitalismo (che viene definita “liberismo” o “neoliberismo”)13, nel quale non sono state mantenute le promesse che sembravano implicite nei “trent’anni gloriosi” del dopoguerra, quando appariva ineluttabile un futuro progressivo di benessere ed uguaglianza per tutti (almeno nei paesi del cosiddetto “capitalismo avanzato”).

Non solo nulla di tutto questo si è avverato, ma non si è neanche mantenuta una sorta di “stato stazionario” nel quale si fossero consolidate le “conquiste” precedenti.

Viceversa, in tutto il mondo occidentale, si è assistito ad una progressiva diminuzione del benessere (che sta portando alla scomparsa della “classe media”), ad una riduzione dei servizi e ad una polarizzazione sempre maggiore della ricchezza.

La maggior parte delle critiche si è limitata a considerare lo stato attuale della nostra forma-mondo come una sorta di malattia benigna in un organismo, altrimenti, sano, la cui terapia consisterebbe in una sorta di ripristino dello status quo ante (confondendo il mezzo con il fine), una sorta di irenico riequlibrio da ottenersi grazie ad un ripristino di efficaci regolazioni del mercato, ad un’economia che torni sotto il controllo degli stati, nella quale si riaffermi il primato della manifattura sulla finanza (il mito dell’”economia reale”: un’altra chimera fatta da domini incommensurabili) ma, soprattutto, che “rimetta i debiti ai debitori” (la Grecia, i paesi poveri, ecc.).

Questa carenza di analisi ha fatto sì che, i movimenti di cui sopra, si siano cullati nell’illusione che fosse sufficiente mettere in scena azioni di protesta, che “sorgono dal basso”14, “contro il crudele e distorto stato del mondo”15, per sperare di contrastare efficacemente lo status quo.

Viceversa, ciò che è avvenuto nel regno della realtà, è che quasi tutti questi movimenti di protesta (dal movimento no global alle varie “rivoluzioni colorate”) si sono rivelati, nel corso del tempo, abili maskirovka che hanno mantenuto sotto controllo il malcontento e ostacolato vieppiù la possibilità di contrastare il sistema.

È difficile per coloro che sono spinti dall’afflato di “cambiare il mondo” credere che la “spontaneità” di tali proteste sia, in realtà la messa in scena di un copione scritto da altri, un prodotto pronto per essere messo sul “mercato delle idee”.

Ma il meraviglioso mondo, creato dal collettivo di pensiero neoliberale, funziona proprio così: esso è stato in grado di creare un’epistemologia omnicomprensiva che permea la cultura contemporanea con un coacervo di verità multiple, tutte ugualmente “vere”, che sono in grado di coprire tutte le alternative possibili: dal conformismo all’anticonformismo, dalla reazione alla rivoluzione, dal sistema all’antisistema.

Un regime caleidoscopico e proteiforme nel quale una critica reale e sensata allo status quo non ha alcuna base sulla quale poggiare (difficile combattere contro qualcosa che non ha una forma definita, essendo in grado di assumere tutte le forme).

Quando il mondo è rappresentato, in ogni suo aspetto, con un’immagine distorta, è quasi impossibile percepire questo ribaltamento: come nella caverna platonica, gli spettatori sono portati a credere che le immagini proiettate sulle pareti, corrispondano al mondo reale.

Non affronteremo quest’argomento nella sua totalità, ma, nella seconda parte, ci soffermeremo soltanto sul problema del riscaldamento globale, in modo che possa costituire un paradigma esemplificativo della manipolazione suddetta (a meno che non si voglia davvero credere alla favola di Greta e dei “potenti della terra”).

Seconda parte: il riscaldamento globale

Come abbiamo detto, il collettivo di pensiero neoliberale è stato capace di costruire un intero armamentario di proposte epistemiche e politiche che, di fatto, hanno occupato tutto lo spazio delle alternative possibili.

Naturalmente, non stiamo parlando della banale e falsa dialettica centro-destra/centro-sinistra, democratici/repubblicani, conservatori/laburisti che, tuttavia, invade tutto lo spazio parlamentare delle cosiddette “democrazie liberali”.

No, stiamo parlando di un’operazione molto più capillare e pervasiva di occupazione (obliterazione, quando questo non sia possibile) di tutte le forme di pensiero e di azione, anche al di fuori della “politica politicata”, che è riuscita a confezionare (con la complicità delle anime belle del progressismo “di ogni forma e di ogni età”), non solo, una panoplia di vacue utopie volte a sterilizzare le velleità politiche delle masse, come, ad esempio, la fratellanza tra i popoli, la società senza frontiere, il governo globale (o, con una maggiore vena distopica, le corbellerie del post-umano e la moltiplicazione dei generi), inibendo, grazie alla vacuità del fine, ogni possibilità di azione reale, ma – e qui sta la genialità- a creare un catalogo omnicomprensivo di proposte “politiche”, in grado di coprire l’intera gamma della “domanda” da parte del pubblico, con obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Per comprendere appieno quest’operazione, è bene fare un piccolo passo indietro e spiegare brevemente un punto cruciale dell’epistemologia neoliberale.

Essa ha sempre respinto la falsa dicotomia dei liberali classici “laissez faire” di stato versus mercato come dispositivi antitetici.

Al contrario di questi ultimi, i neoliberali non considerano il mercato un luogo di allocazione delle merci (materiali o immateriali), ma un elaboratore di informazioni, il più efficace ed efficiente elaboratore che si conosca, assai migliore di qualsivoglia entità umana (individuale o collettiva)16.

In secondo luogo, anche qui diversamente dal pensiero liberale classico (ed alle sue moderne propaggini), l’ideologia neoliberale propugna uno “stato forte” che, tuttavia, non abbia come compito principale (e neanche secondario, per la verità) quello di controllare gli “animal spirit” del mercato, ma quello -per così dire- di controllare se stesso, ovvero, come direbbe Marx, agire da “comitato d’affari della borghesia”, il cui scopo sia quello di promuovere, salvaguardare ed estendere gli ambiti del mercato.

Per svolgere questo supremo compito, lo stato deve operare con tutte le proprie prerogative (compresa quella del monopolio della forza) per costruire una sorta di totalitarismo del mercato (un telos potenzialmente infinito), mediante una mercificazione sempre più estesa e capillare dell’esistente.

Anche per ciò che riguarda il riscaldamento globale (che è di natura “ecologico/termodinamica”), possiamo notare la differenza di approccio tra neoliberali e liberali classici.

Per questi ultimi, i problemi della biosfera sono sintomi di malfunzionamento del mercato (market failure), la cui soluzione dovrebbe risiedere nell’attribuire un “giusto prezzo” alle “esternalità” (inquinamento, ecc.), alle risorse e ai cosiddetti “servizi degli ecosistemi” (approccio della Ecological Economics).

Per i neoliberali, invece, questo tipo di problemi è destinato a sorgere ineluttabilmente, a causa dell’inestricabile complessità delle interazioni tra la società e la biosfera, per comprendere le quali, la conoscenza umana è affatto inadeguata.

Nell’arduo compito di ridefinire l’epistemologia sociale, il collettivo di pensiero neoliberale non si è risparmiato, e ha adoperato tutte le “novità” della moderna scienza, dalla teoria dei sistemi complessi alla termodinamica degli organismi dissipativi, dal principio di indeterminazione all’autopoiesi.

D’altra parte, adottando ogni tipo di posizione epistemologica alla bisogna, è difficile avere torto. Inoltre, è, senza dubbio, difficilmente confutabile che le interazioni tra società e natura siano straordinariamente complesse, osservazione, peraltro ovvia, se si considera che esse costituiscono tutto il nostro mondo, quello in cui ci troviamo ad esistere.

In realtà, il pensiero neoliberale adotta questa panoplia epistemologica in maniera affatto opportunistica, adoperando la “complessità” pro domo sua: siccome non ci si può affidare alla conoscenza umana per comprendere e prevedere questa multiforme e diveniente realtà, vi è bisogno di una sorta di deus ex machina, di un diavoletto di Maxwell.

Insomma, di una finzione retorica spacciata per verità: un’immagine idealizzata di mercato perfetto, spontaneo ordinatore dell’ordine spontaneo e supremo elaboratore di informazioni, il motore immobile (ma, di fatto, mobile) al quale si demanda il compito di trovare soluzioni a qualsivoglia problema.

Siccome, tuttavia, quest’”ordine spontaneo” non è dato nei sistemi politici (ci mancherebbe altro), è necessaria tutta la forza di uno stato forte che, col suo imperio, possa spontaneizzare ciò che spontaneo non è (da qui la finzione del “libero mercato”).

A questo punto, la strategia appare alquanto circolare: siccome non ci si può affidare alle decisioni politiche per affrontare i problemi complessi (dei quali fa sicuramente parte quello del cambiamento climatico), visto che la capacità conoscitiva dei decisori è fallace per definizione, allora è necessario che i decisori facciano un passo indietro, abdicando al loro compito e affidino al mercato17 -peraltro con una decisione politica- il compito di decidere quali siano le soluzioni migliori.

A volte, il problema è piuttosto restio a farsi incanalare con disinvoltura nei meccanismi di mercato, quello del riscaldamento globale fa senz’altro parte di questa categoria. In questi casi, la strategia, dovrà seguire un piano più complesso, ed essere dipanata secondo vari stadi successivi.

In questo caso, possiamo individuare una strategia composta da tre stadi. La manipolazione dell’opinione pubblica cambia, a seconda dello stadio nel quale ci si trova e va dalla promozione del “negazionismo scientifico” alla creazione di fenomeni come Greta Thunberg o “Friday for Future” che sono le diverse facce della medesima medaglia che costituisce la “risposta neoliberale” ai cambiamenti climatici18.

Il “negazionismo scientifico”

Il primo stadio consiste generalmente nel “prendere tempo”, per poter elaborare gli stadi successivi. In casi come questo, la tecnica più efficace è quella di instillare il dubbio, nell’opinione pubblica, che questo tipo di problemi non sia correlato al modello economico della società attuale (sovraconsumo, inquinamento, sovrasfruttamento della biosfera, ecc.), in poche parole; il mercato non è mai colpevole (a tal proposito è sempre opportuno far notare che, nei paesi del blocco sovietico, i problemi ecologici erano assai più gravi).

Lo scopo di quello che è stato chiamato “negazionismo scientifico”, promosso, principalmente, dalla Global Climate Coalition e, poi, dalla Hearthland Foundation, alle quali abbiamo già accennato, è stato quello di controllare l’opinione pubblica che, allarmata dal problema del riscaldamento globale, avrebbe potuto far pressione sui governi per affrontarlo con decisioni politiche, ovvero, come abbiamo detto, a “prendere tempo” per elaborare opportune soluzioni per far rientrare la questione nel recinto del mercato.

La soluzione “negazionista”, ancorchè di carattere temporaneo, aveva il vantaggio di essere rapidamente dispiegabile, piuttosto economica e di distogliere l’attenzione del pubblico dagli argomenti appropriati.

La strategia del “collettivo di pensiero neoliberale” vuole che la prima risposta ad una sfida di natura politica, debba sempre essere di tipo epistemologico19: è necessario mettere in dubbio ciò che costituisce l’argomento di tale sfida, in questo caso, negare il problema e temporeggiare indefinitamente con sterili diatribe riguardo al merito (ovvero, se esista o meno il riscaldamento globale su base antropogenica).

Il “mercato delle idee” deve essere sempre irrorato col dubbio, affinchè, come un efficace diserbante, esso possa far sviluppare solo le piante (idee) desiderate.

Questa tecnica, descritta dallo storico Robert Proctor sotto il nome di “agnotologia”20, si è rivelata, nel tempo, assai efficace.

La dottrina neoliberale difende, formalmente, il diritto di chiunque di sostenere qualsivoglia scempiaggine, con egual diritto  (la “saggezza delle masse”)21, perché, in ultima analisi, l’ambito nel quale si stabilisce la verità è sempre il mercato -che non è mai libero, come viene spacciato, ma è sempre controllato da coloro ai quali fa comodo che venga spacciato come libero-, e non quella congrega di esperti che rappresenta la scienza ufficiale (a meno che non venga usata per gli scopi politici opportuni).

Di fatto, la dottrina neoliberale coincide perfettamente con quella di Quelo: “la risposta è dentro di voi, epperò è sbajata” (a meno che non coincida con la nostra)22.

Tuttavia, questo primo stadio è ben lungi dall’essere sufficiente per incanalare il problema nei meccanismi di mercato, pertanto, è necessario elaborare gli stadi successivi facendo sì ch’essi si dispieghino mediante un’offerta merceologica che sia in grado di coprire l’intero spettro della “domanda” di “soluzioni”, ed è necessario che ognuna di queste implichi la creazione di un profitto e, possibilmente, che estendano la sfera del mercato ad ambiti mai toccati prima.

La “mercatizzazione” della CO2 e l’accumulazione per espropriazione

Dopo questo primo stadio agnotologico, è necessario che, ad un certo punto, il mercato faccia il suo ingresso.

In questo caso, l’azione del mercato si dispiega secondo due linee principali: la prima è costituita dalla monetizzazione e dalla conseguente  finanziariazzazione dei “servizi degli ecosistemi”, ovvero dalla creazione di permessi di emissione di CO2; la seconda, da quella che David Harvey ha definito “accumulazione per espropriazione.

L’istituzione di mercati dei permessi di emissione costituì un’abile strategia  per costruire un nuovo settore merceologico e finanziario, ma anche per convincere gli attori politici del fatto che la risposta al problema dei cambiamenti climatici, ovvero la diminuzione dell’emissione di “gas serra” dovesse competere ai mercati invece che ai governi: si è “mercatizzato” qualcosa che avrebbe dovuto essere politico.

Naturalmente, questa “soluzione” non ha condotto ad alcun risultato, per quello che era lo scopo dichiarato: di fatto non ha evitato l’emissione di una sola molecola di CO223.

D’altra parte, questo non era certo lo scopo reale, che viceversa, era quello di adoperare la scusa del riscaldamento globale per creare un nuovo strumento finanziario dal nulla, una merce virtuale che mercifica un dato fisico, peraltro virtualizzato, un nuovo derivato da immettere nella grande fucina della finanza, fornendo agli operatori un ulteriore strumento speculativo da trasformare in moneta reale.

L’altro braccio della strategia a medio termine è stato quello dell’accumulazione per espropriazione, che merita qualche parola di spiegazione.

La descrizione di Marx dell’”accumulazione primitiva” comprende fenomeni come la mercificazione e la privatizzazione della terra e l’espulsione da essa della popolazione contadina; la conversione di varie forme di beni collettivi in proprietà privata; la mercificazione della forza lavoro e la eliminazione delle alternative ad essa; processi di appropriazione coloniale o neocoloniale di beni e risorse naturali; monetizzaione degli scambi e tassazione della terra; commercio degli schiavi; usura; il debito pubblico e il sistema creditizio24.

Si potrebbe pensare che questi tipi di accumulazione siano un retaggio del passato, dei tempi del capitalismo nascente e di quelli in cui iniziava ad affermarsi in maniera sempre più estesa e capillare.

A questo scopo si adottano infatti metodi sia legali sia illegali […] Tra i mezzi legali si annoverano la privatizzazione di quelle che un tempo erano considerate risorse di proprietà comune (come l’acqua e l’istruzione), l’uso del potere di espropriazione per pubblica utilità, il ricorso diffuso a operazioni di acquisizione, fusione e così via che portano al frazionamento di attività aziendali, o, per esempio, il sottrarsi agli obblighi in materia di previdenza e sanità attraverso le procedure fallimentari.

Le perdite patrimoniali subite da molti durante la crisi recente possono essere considerate una forma di espropriazione che potrebbe dar luogo a ulteriore accumulazione, dal momento che gli speculatori acquistano oggi attività sottovalutate con l’obiettivo di rivenderle quando il mercato migliorerà, realizzando un profitto25.

Una delle forme più sottili di “accumulazione per espropriazione” è quella di drenare surrettiziamente denaro pubblico o, direttamente dalle “tasche” dei cittadini, per generare un profitto privato, tramite una tassazione ad hoc, oppure obbligare la popolazione ad un consumo tramite l’imposizione decretata dal potere dello stato.

Un esempio del primo tipo di pratica è, senza dubbio, quello degli impianti di produzione di “energie rinnovabili” (eolica, fotovoltaica, idroelettrica, ecc) che sono casi nei quali l’energia prodotta viene remunerata ad un prezzo superiore a quello di mercato (altrimenti non sarebbero economicamente sostenibili).

In questo caso, il sovrapprezzo viene corrisposto dalla fiscalità generale o da un esborso aggiuntivo nelle tariffe delle forniture elettrice.

Se si eccettua la sparuta produzione (in termini di MW/h) degli impianti ad uso familiare, la più parte della generazione di elettricità, da queste fonti, proviene da grandi impianti, per i quali l’investimento viene sostenuto da  grandi investitori, in genere società finanziarie26.

Questo è un caso nel quale lo stato opera come perfetto agente del mercato: invece che favorire, con un’azione diretta la tanto sbandierata “transizione energetica”, esso si fa promotore di un sistema nel quale i profitti delle società finanziarie sono a carico dei cittadini tramite un aggravio dei costi energetici o mediante la fiscalità generale.

Un altro esempio di questo tipo di accumulazione, anche se un poco più indiretto, è quello dei veicoli adibiti a trasporto stradale.

In questo caso, lo stato interviene modificando le regolamentazioni che regolano le emissioni dei veicoli (specie quelle di Co2), inibendo la circolazione per quei mezzi che non rispettano i parametri imposti.

Questa tecnica di marketing condotta tramite la forza della legge, costringe attualmente gli utenti a cambiare veicolo tramite una sorta di obsolescenza programmata de jure, e apre la strada per nuove nicchie di mercato (veicoli elettrici, ibridi, ecc.).

Naturalmente, questo è un evidente trucco per creare nuove nicchie di mercato; è un altro un trucco per costringere i cittadini ad esborsi di denaro, in un certo senso, coatti, senza alcun senso per ciò che riguarda le emissioni di CO2 in quanto tali, se si considera che il processo di produzione di un auto, è responsabile di una produzione di CO2 che è, in media, superiore a quella che la medesima auto produrrà nel suo ciclo di utilizzo27 (verosimilmente, da questo punto di vista, sarebbe più “ecologico” tenere la medesima auto per qualche decennio, ma questo non aiuta il mercato).

Ovviamente, per imporre alla popolazione questa visione, senza troppi incidenti (cosa che, ad esempio, non è riuscita in Francia)28, è necessario predisporre l’opinione pubblica con massicce campagne “moralizzatrici”, come quella per la quale stanno usando la ragazzina che intimorisce quei “potenti della terra” che hanno tutto da guadagnare dalla creazione di nuove nicchie di mercato.

Tuttavia, l’inesauribile cornucopia di idee del collettivo di pensiero neoliberale, non si esaurisce qui, ma è lanciata sempre verso nuovi orizzonti.

De la geoingegneria ed altre distopie neoliberali

Dato che il sistema dei permessi di emissioni e le miriadi di impianti ad energia rinnovabile sono, ormai, soluzioni datate, anche se sono servite egregiamente allo scopo, che era quello di estendere il dominio del mercato o estrarre denari dalle tasche della popolazione e dei governi, è ora di superare queste reliquie del passato con la soluzione neoliberale per il lungo periodo: la geoingegneria.

Qui si arriva al nucleo stesso della Dottrina, la quale postula che l’ingegno imprenditoriale, se lasciato libero di manifestare le proprie pulsioni di “distruzione creativa”, può essere in grado di trovare soluzioni di “mercato” per risolvere qualsivoglia problema.

Le idee non possono essere lasciate improduttive: quando vi è la possibilità, esse vanno inserite nel discorso politico e perseguite con tutti i mezzi. È quindi ora  di aprire nuove ed incredibili opportunità per trasformare in merce e mercato parti del globo che nessuno pensava potessero avere questo destino (e questa destinazione).

La geoigegneria rappresenta, il volto futuribile e fantascientifico del neoliberalismo e, assieme ai deliri sull’ingegneria genetica e sull’intelligenza artificiale, il suo volto più distopico.

“Geoingegneria” è una sorta di definizione collettiva che individua un ampia gamma di manipolazioni, su larga scala, volte a modificare il clima della terra, per “correggere” i cambiamenti climatici.

Essa comprende “soluzioni” come l’aumento artificiale dell’albedo del pianeta, attraverso vari tipi di “gestione” della radiazione solare (tramite la diffusione di particelle riflettenti nella stratosfera, l’installazione di specchi nell’orbita terrestre spaziali o la copertura dei deserti con materiale riflettente); l’aumento del sequestro di CO2 da parte degli oceani, tramite la stimolazione della crescita del fitoplancton (“concimazione” degli oceani con nutrienti, mescolamento degli strati) o della terraferma (seppellimento dei residui vegetali; introduzione di organismi geneticamente modificati, oppure, ancora, l’estrazione e il confinamento della CO2 direttamente al punto di emissione.

Questa sorta di ideazione delirante ha connessioni piuttosto strette col “collettivo di pensiero neoliberale”, in quanto, diverse istituzioni che ne sono emanazione diretta, come L’American Enterprise Institute, Ii Cato Institutute, la Hoover Institution, il Competititive Enterprise Institute, si occupano in maniera assai attiva nella promozione della geoingegneria. Lo stesso “tempio accademico” del neoliberalismo, la Chicago School of Economics, ha pubblicamente appoggiato questo delirio29.

Naturalmente, questi “progetti” sono solamente allucinazioni lisergiche portate ad un livello istituzionalmente riconosciuto: vedi alla voce: “lo dice Lascienza”.

Ma questa mirabolante scienza, in questi casi, può solo asserire ipotesi che non hanno alcuna possibilità di essere provate sperimentalmente, non vi è alcun di  verificare ex ante gli assunti ipotizzati né, tantomeno, gli effetti indesiderati.

Qui il laboratorio è costituito dall’intero mondo e l’ex post potrebbe essere una catastrofe di proporzioni inimmaginabili.

Ma, evidentemente, queste considerazioni non hanno il potere di scalfire l’adamantina determinazione dei nostri apprendisti stregoni arsi dal sacro fuoco di Prometeo.

Ça va sans dire che queste mirabolanti proposte agirebbero solo sugli effetti e non certo sulle cause del problema, d’altronde, agire sulle cause significherebbe mettere in discussione le basi sulle quali poggia il capitalismo stesso mentre secondo l’epistème neoliberale, se il capitalismo ha causato dei problemi, la soluzione è: più capitalismo!

Quindi, le soluzioni geoingegneristiche apportano enormi vantaggi, secondo i criteri neoliberali, perché non limitano mercati consolidati (non sia mai che, nel mondo, si producano meno pezzi di Hallo Kitty, di cheeseburger, o che, a Dubai, non si possa più sciare al coperto), ma espande gli ambiti del mercato verso nuovi orizzonti: niente di meno che la privatizzazione dell’atmosfera e del clima.

Perché, qualora non si fosse compreso, lo scopo è questo, nonché porre il pianeta in ostaggio di alcune entità private (quelle che mettono a punto le “soluzioni” protette da brevetto)30, affinchè ne possano trarre profitto da qualcosa che, magicamente, può diventare merce con pochi tratti di penna, con la scusa di un “fate presto” globale perché “ce lo chiedono le prossime generazioni”.

Con questo si chiude il cerchio.

Nel mirabolante mondo di Quelo e Greta la teknè viene politificata mediante l’ennesimo ragionamento circolare, perché i problemi sono troppo complessi per poter essere affrontati con soluzioni che non siano tecniche (la risposta è dentro di voi, epperò è sbajata), fino ad obliterare interamente lo spazio della politica che non sia quello di mero “comitato d’affari della borghesia”.

Perché non vi è alternativa alle verità di una scienza che è divenuta dogma di una società che ha abbandonato ogni dogma che sia non sia quello dell’ordine del mercato, “la provedenza che governa il mondo” agisce con mano invisibile affinchè si possa manifestare il mistero della creazione.

La stessa scienza, ha abbandonato qualsivoglia funzione epistemica per divenire un mero paradigma gestionale e non maggior significato, per ciò che riguarda la conoscenza del mondo, di quanto ne abbiano le regole del Monopoli.

L’ordine del mercato è rimasto l’unica praxis che orienti le azioni umane, e l’unico tèlos, autotelico e perpetuamente progressivo, al quale si volge lo sguardo di quella che, un tempo, usavamo chiamare civiltà.

[1] Si narra che sia affetta dalla sindrome di Asperger

[2] Dal titolo del Sole24Ore in occasione dell’avvento del governo Monti

[3] Gli studi più rilevanti furono condotti da Hans Suess, Gilbert Plass, Roger Revelle e Charles Keeling.

[4] Lista dei membri della Global Climate Coalition: American Electric Power, American Farm Bureau Federation, American Highway Users Alliance, American Iron and Steel Institute, American, American Forest & Paper Association, American Petroleum Institute, Amoco, ARCO, Association of American Railroads, Association of International Automobile Manufacturers, British Petroleum, American Chemistry Council, Chevron, DaimlerChrysler, Dow Chemical Company, DuPont, Edison Electric Institute, Enron, ExxonMobil, Ford Motor Company, General Motors Corporation, Illinois Power, Motor Vehicle Manufacturers Association, National Association of Manufacturers, National Coal Association,     National Mining Association, National Rural Electric Cooperative Association,  Ohio Edison, Phillips Petroleum, Shell Oil, Southern Company, Texaco, Union Electric Company, United States Chamber of Commerce.

da:

Brill, Ken (June 20, 2001). “Your meeting with members of the Global Climate Coalition”, United States Department of State.

Brown, Lester R. (July 25, 2000). “The Rise and Fall of the Global Climate Coalition”. Brown, Lester R.; Larsen, Janet; Fischlowitz-Roberts, Bernie (eds.), The Earth Policy Reader: Today’s Decisions, Tomorrow’s World. Routledge, 2000.

Lieberman, Amy; Rust, Susanne (December 31, 2015). “Big Oil braced for global warming while it fought regulations”. Los Angeles Times.

McGregor, Ian (2008). Organising to Influence the Global Politics of Climate Change. Australian and New Zealand Academy of Management Conference.

Mulvey, Kathy; Shulman, Seth (July 2015). “The Climate Deception Dossiers”. Union of Concerned Scientists.

Revkin, Andrew C. (April 23, 2009). “Industry Ignored Its Scientists on Climate”. The New York Times.

[5] https://www.heartland.org/index.html

[6] probabilmente dall’uscita del libro di Rachel Carson, Primavera silenziosa, del 1962

[7] https://www.journals.elsevier.com/ecological-economics

[8] Il quale fu, a propria volta influenzato dagli studi di Frederick Soddy in materia

[9] Cfr.

Philp Mirowski, Never let a serious crisis go to waste,  Verso, London-New York, 2013.

Philip Mirowski, Dieter Plehwe, The Road from Monte Pelerin, Harvard University Press, Cambridge, MT 2009.

[10] Foucault, M. The Birth of Biopolitics. Lectures at the Collège de France, 1978–79, Palgrave McMillan, Basingstoke 2008.

[11] Philip Mirowski, Dieter Plehwe, cit., p. 4 sgg., 417 sgg.

[12] Fleck, Ludwik. The Genesis and Development of a Scientific Fact. Chicago: University of Chicago Pres, 1979 ,P. 39

[13] Residuo linguistico della sterile diatriba tra Benedetto Croce e Luigi Einaudi, che data alla fine degli anni ’20 del secolo scorso.

[14] Ibid.

[15] Philp Mirowski, Never let a serious crisis go to waste,  cit., cap. 6.

[16] Philip Mirowski, Naturalizing the market on the road to revisionism: Bruce Caldwell’s Hayek’s challenge and the challenge of Hayek interpretation, Journal of Institutional Economics (2007), 3: 3, 351–372

[17] Che include anche quella scienza che ha dimostrato il proprio successo nel “mercato delle idée”, anch’esso spontaneo come lo spacciatore alla dogana, di cui sopra.

[18] Cfr.:Philip Mirowwski, Never let a serious crisis go to waste, cit.

[19] Cfr.:Philip Mirowwski, Never let a serious crisis go to waste, cit.

[20] Cfr. Robert N. Proctor, Londa Schiebinger (Eds.), Agnotology. The Making and Unmaking of Ignorance, Stanford University Press 2008

[21] Cfr. F. A. Hayek, The use of knowledge in society, American Economic Review, XXXV, No. 4; September, 1945, pp. 519-30.

[22] «First and foremost, neoliberalism masquerades as a radically populist philosophy, which begins with a set of philosophical theses about knowledge and its relationship to society. It seems to be a radical leveling philosophy, denigrating expertise and elite pretensions to hard-won knowledge, instead praising the “wisdom of crowds.” It appeals to the vanity of every self-absorbed narcissist, who would be glad to ridicule intellectuals as “professional secondhand dealers in ideas.” In Hayekian language, it elevates a “cosmos”—a supposed spontaneous order that no one has intentionally designed or structured—over a “taxis”—rationally constructed orders designed to achieve intentional ends. But the second, and linked lesson, is that neoliberals are simultaneously elitists: they do not in fact practice what they preach. When it comes to actually organizing something, almost anything, from a Wiki to the Mont Pèlerin Society, suddenly the cosmos collapses to a taxis. In Wikipedia, what looks like a libertarian paradise is in fact a thinly disguised totalitarian hierarchy».

Philip Mirowski, Dieter Plehwe, The Road from Monte Pelerin, cit. pp 425-426

[23] “Maher, Sid. “Europe’s $287 Billion Carbon Waste,” The Australian, November 23, 2011”

[24] David Harvey, 2004. The ‘new’ imperialism: accumulation by dispossession. Socialist Register 40, p. 74

[25] David Harvey, L’enigma del Capitale, Feltrinelli, Milano 2011, pp.60-61

[26] In genere con sede all’estero, se ci riferiamo all’Italia, ma anche ai cosiddetti paesi in via di sviluppo.

[27] Shigemi Kagawa, Klaus Hubacek, Keisuke Nansai, Minori Kataoka, Shunsuke Managi, Sangwon Suh, Yuki Kudoh, Better cars or older cars?: Assessing CO2 emission reduction potential of passenger vehicle replacement programs,

Global Environmental Change Volume 23, Issue 6, December 2013, Pages 1807-1818.

Maarten Messagie, Life Cycle Analysis of the Climate Impact of Electric Vehicles, Transport and enviroment 2014.

Helms, M. Pehnt, U. Lambrecht and A. Liebich, Electric vehicle and plug-in hybrid energy efficiency and life cycle emissions, 18th International Symposium Transport and Air Pollution 2010

[28] Ricordiamo che il fattore che ha innescato la rivolta dei Gilet Jaunes è stata proprio l’inasprimento dei parametri per le emissioni veicolari. Naturalmente queste riguardavano soprattutto I veicoli di una certa età, che sono quelli che garantivano la mobilità della fascia di popolazione meno abbiente (in presenza di concomitante smantellamento delle reti di trasporto pubblico di prossimità)

[29] Cfr.:Philip Mirowwski, Never let a serious crisis go to waste, cit.

[30] “Cressy, Daniel. “Geoengineering Experiment Cancelled Amid Patent Row,” Nature 15, May 2012”

“Specter, Michael. “The Climate Fixers,” The New Yorker, May 14, 2012”

Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] L’articolo completo è qui […]

trackback

[…] che non ne facciamo una questione di merito, ovvero se vi sia o meno un’emergenza climatica, ma, sempr…, qui ci limitiamo ad annotare come, continuamente rappresentando un finale terrorizzante con tale […]

trackback

[…] che non ne facciamo una questione di merito, ovvero se vi sia o meno un’emergenza climatica, ma, sempr…, qui ci limitiamo ad annotare come, continuamente rappresentando un finale terrorizzante con […]

lo
ciao
3
0
Esponi la tua opinione.x